itaeng

Blog

Pubblicato in:php trucchi

Che noia aggiungere il file di configurazione in ogni file php...

05OTT2011

... per fortuna che esiste l'.htaccess :)

Se si vuole includere un file (ad esempio un file di configurazione) in ogni singolo file php, può non essere necessario fare l'include tutte le volte; si può infatti fare in automatico con una semplice istruzione da mettere nell'.htaccess, così:

php_value auto_prepend_file "/percorso/del/file/config.php"

Allo stesso modo, se si vuole fare la stessa cosa ma al fondo dei propri file, si può utilizzare un'altra istruzione:

php_value auto_append_file "/percorso/del/file/stats.php"

Comodo, vero? :)

Pubblicato in:ubuntu trucchi segnalazioni

Come ti faccio un backup automatico dei database e lo salvo su dropbox

02OTT2011

In questo fine settimana mi sono posto un problema non da poco per un webcoso freelance come me: e se il pc si rompe?

Faccio (quasi) abitualmente il backup dei dati che mi servono, ma il salvataggio dei database è sempre una rottura di scatole e lo faccio... solo quando mi ricordo di farlo. Questo non va bene perchè è un'operazione tediosa e troppo spesso finivo per trascurarla, così dopo aver scritto un piccolo script in bash per un altro motivo, ho deciso di sfruttare la comodità di questo strumento insieme alla figosità di Dropbox per avere un comando che faccia il lavoro sporco per me, lo faccia in automatico e lo faccia in modo sicuro, salvandolo anche online.

In sostanza, quello che fa questo script è effettuare il dump di tutti i database presenti sul mio mysql, eccetto le tabelle "sue", come information_schema, phpmyadmin e mysql, comprimerle tramite bzip2, controllare (basandosi sulla dimensione del file compresso) se ci sono stati dei cambiamenti dall'ultimo salvataggio ed eventualmente salvare il nuovo backup nella mia cartella su dropbox... poca spesa, tanta resa!

Ecco il codice:

#!/bin/bash

##################################
# Mysql backup automatizzato con salvataggio dove ti pare (io uso dropbox).
# Di Emanuele "ToX" Toscano - http://emanuele.itoscano.com/vedi/95

# Requisiti: linux o qualche adattamento per farlo funzionare su windows, non ho idea di come si faccia per mac
# Consigliabile usare dropbox per salvare il file online da qualche parte, ma se non vuoi buon per te
# Utilizzo: Mettilo nella directory in cui vuoi salvare il backup e lancialo. Al resto penserà lui da solo
# Configurazione: la riga numero 20, quella con scritto mysql --user=root è l'unica che forse dovrai toccare per adattarlo alle tue necessità... se hai dubbi google è un portento
##################################

if [ -d "$1" ];
then
	PERCORSO="$1"
else
	PERCORSO=./mysql/
fi

dbs="$(mysql -u root -Bse 'show databases')"

for db in $dbs
do
	if [ $db != "information_schema" ] && [ $db != "mysql" ] && [ $db != "phpmyadmin" ] && [ $db != "performance_schema" ] && [ $db != "test" ];
	then
		# ATTENZIONE: aggiusta i dati della connessione
		mysqldump --user=root $db | bzip2 -c > /tmp/$db.sql.bz2
		mv /tmp/$db.sql.bz2 $PERCORSO
	fi
done

Comodo vero? Se qualcuno avesse consigli su come migliorarlo, naturalmente, i commenti sono li per questo... se qualcuno decidesse di riutilizzarlo in qualche modo faccia pure, ti pregherei solamente di lasciare il mio contatto in cima allo script (ma non verrò a tirarti le coperte la notte se non vorrete farlo, sta a te essere corretto :)

Pubblicato in:cakephp segnalazioni

[Recensione] CakePHP 1.3 Application Development Cookbook

23AGO2011

Una doverosa premessa

Fin da quando sono entrato nel colorato e caramelloso mondo multiforme dell'informatica ho sempre prediletto blog e siti tematici; ho un brutto rapporto con manuali, libri e quant'altro riguardante la programmazione: ne ho acquistati alcuni insieme a riviste o per conto mio, ma immancabilmente la loro fine è quella di essere riposti in uno scaffale il giorno stesso o di restare sul tavolo in attesa di decidere cosa farne.

Qualche tempo fa sono stato contattato per recensire "CakePHP 1.3 Application Development Cookbook", di Mariano Iglesias. Conosco di fama Mariano Iglesias perchè diverse volte, cercando informazioni su come-fare-cosa su CakePHP mi sono imbattuto in alcuni suoi contributi, così, vista la mia stima nei suoi confronti, pur senza averci mai avuto a che fare direttamente, mi sono incuriosito e ho deciso di provare a farne una recensione.

Il libro

Il libro, che mi è arrivato in formato elettronico, è sostanzialmente un incrocio fra un manuale "pratico" ed un libro di ricette. Cookbook è un nome perfettamente azzeccato, e come tale è consigliabile leggerlo: se per esempio avessi bisogno di sapere cosa sono e come funzionano i Test, argomento su cui ho sempre avuto molte lacune e su cui non sono mai riuscito a trovare qualcosa di realmente utile a riguardo, mi basterebbe aprire il libro su quel capitolo per scoprire cosa sono, come funzionano e trovare degli esempi pratici su come usarli. Esempi che non sono mai banali (non è un libro per principianti: è infatti indicato per utenti medio-avanzati, categoria nella quale spero di potermi inserire).

Ogni capitolo si suddivide in un'introduzione, che spiega genericamente l'argomento trattato, e la parte tecnica, suddivisa a sua volta in almeno 3 sottocapitoli: getting ready (preparazione dell'ambiente di lavoro), how to do it (il codice vero e proprio, spesso con immagini e screenshot per rendere graficamente più chiaro il tutto) e how it works (che spiega ciò che succede nelle due parti precedenti). In alcuni capitoli è presente anche un there's more, che contiene curiosità o altre funzioni o funzionalità correlate.

Gli argomenti trattati

Il libro è composto da 11 capitoli per altrettanti argomenti in ambiti piuttosto vari e diversi fra loro; ecco di cosa tratta (cliccando sul link potete vedere come vengono sviscerati i singoli argomenti):

Preface
Chapter 1: Authentication
Chapter 2: Model Bindings
Chapter 3: Pushing the Search
Chapter 4: Validation and Behaviors
Chapter 5: Datasources
Chapter 6: Routing Magic
Chapter 7: Creating and Consuming Web Services
Chapter 8: Working with Shells
Chapter 9: Internationalizing Applications
Chapter 10: Testing
Chapter 11: Utility Classes and Tools
Index

Non male eh?

Personalmente ho trovato incredibilmente interessanti e utili i capitoli su "model bindings", "validazione" e "testing", che poi erano anche i punti su cui avevo più confusione in testa, ma anche il resto è ben scritto e molto chiaro. Mariano ha avuto l'ottima intuizione di scrivere un libro che richiede una discreta esperienza su CakePHP per essere letto e compreso a fondo, raggiungendo il suo scopo in modo chiaro e diretto.

Il verdetto finale

Sarebbe fuorviante dare un voto univoco al libro, in quanto può essere molto utile per chi ha una buona infarinatura generale su CakePHP e vuole migliorarsi, mentre per chi sta iniziando sarebbe probabilmente un libro troppo difficile da comprendere.

Mi piace moltissimo la struttura a "ricettario", mentre ho apprezzato meno la formattazione del codice. D'altra parte un libro non è un monitor, per cui un bellissimo pezzo di codice, che sul computer sarebbe perfettamente leggibile, su carta ha dei ritorni a capo che ne rendono difficoltosa la lettura. Avrei apprezzato anche se gli esempi di codice avessero avuto un po' di colore; il fatto che sia scritto tutto in nero non aiuta molto il "colpo d'occhio". Non so se sia tecnicamente fattibile, ma mi sarebbe piaciuto davvero moltissimo se insieme al libro ci fosse stato un insieme di file con i vari snippet di codice in formato testuale, da aprire con il proprio editor preferito...

Detto questo, rimane un libro perfettamente godibile pur con queste piccole pecche, che immagino siano un limite del formato stesso con cui viene fornito, cartaceo o ebook.

Dimenticavo... il libro è totalmente in inglese! Un inglese perfettamente chiaro e leggibile; non credo che possa creare problemi particolari a qualcuno, visto che nell'informatica l'inglese è un po' ovunque, ma è bene saperlo per evitare sorprese smiley.

Pubblicato in:segnalazioni

Gli strani colori delle immagini su Firefox4 con Ubuntu 11.04

12MAG2011

Da quando ho aggiornato ad Ubuntu 11.04 firefox ha cominciato a fare cose strane, per esempio immagini come questa

Venivano visualizzate così:

Per qualche tempo ho provato ad utilizzare chromium, ma non riesco proprio ad abituarmici, e soprattutto a rinunciare ad alcune estensioni... poi ho scoperto questa discussione, che riportava a questa soluzione (in particolare Some images are displayed with weird colors).

Beh, ha funzionato :)

Pubblicato in:ubuntu

Usare le applet di Gnome su Xfce4

30APR2011

E' fatta, ubuntu adesso ha unity come desktop environment di default. A me unity non piace, lo trovo scomodo da usare, illogico e soprattutto mi richiede troppi click, e usando linux per lavoro questo mi risulta particolarmente fastidioso.

Così ho deciso di ridare una possibilità a Xfce, che ho utilizzato con grande soddisfazione una mezza dozzina di anni fa, lasciandolo perdere quando decise di diventare una sorta di clone di gnome 2.x... beh, devo dire che nel frattempo è diventato proprio brutto, almeno di default!

Per fortuna si può ovviare mettendogli dei font decenti (droid sans) e giocando un po' con le barre per renderle comode (personalmente sono affezionato a come le avevo su gnome, quindi le ho impostate più o meno allo stesso modo.

Si ma le applet di gnome?

Fra le altre cose, non posso fare a meno di project hamster, per lavoro, quindi ho bisogno di poterlo avere anche su Xfce, cosa che di default non si può fare. Fortunatamente si può rimediare in modo semplice ed indolore, installando xfapplet così:

	sudo apt-get install xfce4-xfapplet-plugin

click destro sul pannello, aggiungi elemento, xfapplet

cliccando sull'icona di xfapplet, a questo punto, sarà possibile scegliere fra le applet di gnome... comodo, no? :)